Categorie
storia

La storia di Ciu Lai – parte 2/2 – Ciu Lai molla l’osso

(qui la prima parte)

2

Quando Ciu Lai si svegliò, era legata alla testata del letto.

Io indossavo la mia preziosa vestaglia orientale, con un gigantesco ideogramma pitturato sulla schiena, dono di una mia vecchia fidanzata orientale di qualche anno fa, una donna che ricordavo ancora con piacere, onore, profonda stima e tanta poesia. Stavo facendo il tè.

«Succhio cazzi…» disse lei.

Mi voltai, incuriosito e divertito, replicando «A parte che io sono l’ultima persona a cui dovresti dirlo, ormai… Ma cosa c’entra?»

Lei mi guardò a sua volta con stupore e precisò «Succhio cazzi… È quello che hai scritto sulla schiena.»

Istintivamente e con un gesto scomposto mi spogliai della vestaglia, gettandola sul letto e rimanendo di nuovo nudo.

Lei mi guardò sorniona proprio là, a metà vita, come per dire «E poi dicono che sono gli orientali ad avercelo piccolo!», ma io soprassedetti su quella notazione mentale pur così evidente e andai a infilarmi un paio di mutande sulle quali i produttori saggiamente non avevano scritto niente.

Poi cominciai: «Tu volevi rubare qualcosa che è mio. Io invece ti ho fatto un regalo».

Si fece curiosa e attenta.

Continuai «Mentre eri svenuta, ti ho impresso la mossa segreta del maestro Zin Zan.»

Si spaventò. Sapeva cos’era.

«Adesso, c’è una parola che non potrai mai pronunciare. Se lo farai, ne morirai immediatamente, consumata da un fuoco istantaneo e senza scampo.»

«E perché sarebbe un dono? A me sembra più una maledizione» proruppe stizzita.

Sorrisi.

Aspettai qualche istante prima di ricominciare a parlare.

«Perché ora avrai due poteri: quello del momento presente e quello di scegliere con cura le parole da non dire.»
«E il primo potere lo assaporerai subito» – precisai, porgendola una tazza di tè e dicendole: «Ora bevi».

Lei bevve, tutto d’un fiato e con tutta se stessa.

Ripresi «Nel gesto del bere hai assaporato il potere dell’istante presente. Ora, in questa tazza ormai vuota, c’è la tua nuova vita, potrai riempirla con quello che vuoi».

Lei ancora non parlava, un po’ scossa dalla situazione e un po’ timorosa di pronunciare la parola che l’avrebbe mandata al cimitero.

– «Ma è il secondo potere quello più grande in assoluto per una donna: quello di tacere» conclusi.

Negli occhi di lei balenò un lampo di dispetto, poi si fece trasognata e, lentamente, scandendo bene ogni parola, anche perché preziosa, proprio perché poteva essere l’ultima, disse, abbassando il capo leggermente in segno di sottomissione: «Maestro, cosa devo fare ora?»

Io replicai, altrettanto lentamente «Vai a casa da tuo marito e dai tuoi figli e abbracciali tutti»

I suoi occhi si fecero d’acqua, ma non saprei dire se si fosse commossa davvero.

La slegai. Si gettò a terra davanti a me, la sollevai immediatamente.

«Non puoi dirmi qual è quella parola vero?»

«No, se lo facessi, finiresti per dirla, magari soprappensiero, magari in sogno, magari in pieno giorno. Una donna finisce sempre per fare quello che non deve fare. Ma stai tranquilla, non è una parola che direbbe una cinese agente del servizio segreto».

La fissai dolcemente.

Anche lei mi guardò piena di stima e riconoscenza.

Le misi una mano sulla spalla, lei immediatamente si abbassò, facendo come per inginocchiarsi; io esclamai subito «Ma no, cos’hai capito, volevo solo salutarti!»

Lei sorrise e si rialzò quando ancora doveva toccare terra, senza dire nulla.

«Hai preso tutto? La tua giacca, la sciarpa, le ginocchiere?»

Lei annuì.

Allora le diedi un bacio leggero sulla guancia. Sapeva di balsamo tigre.

Le strinsi la mano e le dissi «Addio»

«Addio» rispose lei, sapendo che quella era una parola utilizzabile, altrimenti non l’avrei usata nemmeno io stesso, per il nostro commiato.

La guardai allontanarsi sculettando due chiappe che, tutte e due insieme, erano grandi come una sola chiappa di femmina occidentale.

Poi, con quel pensiero buffo e insinuante insieme, chiusi la porta, buttai la vestaglia e me ne tornai finalmente a dormire.

Share the love

– 😍 metti «like» adesso, se ti è piaciuta questa storia;

– 🥰 condividi ora liberamente, in qualsiasi modo, questa storia se pensi che possa piacere a qualcun altro;

– 📧 inserisci subito la tua mail qui sotto per iscriverti e ricevere ogni settimana la nuova storia del venerdì pomeriggio.

Categorie
storia

La storia di Ciu Lai – parte 1/2 – Ciu Lai morde l’osso.

1 – Ciu Lai morde l’osso.

Tutto cominciò tre mesi fa, quando venni incaricato da un mio importante cliente italiano di recuperare un credito nella città di Wuhan, agendo contro un opificio che si rifiutava di saldare quanto dovuto al mio mandante, accampando varie, e variopinte, scuse relative alla qualità della subfornitura che gli era stata somministrata.

Io e l’amministratore delegato di questa società mia cliente prendemmo così un aereo, anzi un paio per la verità, e dopo un viaggio lungo ma, devo dire, poco travagliato, giungemmo in quell’importante centro cinese.

Già scendendo dall’aereo notai che tutti portavano mascherine, ma allora non ci feci caso, conoscendo i notoriamente alti livelli di inquinamento del territorio cinese.

Il giorno stesso, incontrammo il debitore presso gli uffici dell’azienda e iniziammo subito la negoziazione, che subito si presentò complessa e complicata. Avendo studiato a lungo ed approfonditamente il cinese mandarino, che mi era indispensabile per poter frequentare con maggior profitto e la giusta classe il centro massaggi qui a Vignola, mi accorsi subito che i Cinesi stavano mentendo e, per così dire, menando il can per l’aia.

Però, se c’è una cosa che ho imparato in 25 anni di professione, è questa: mai e poi mai dire a uno stronzo che è uno stronzo, a un bugiardo che è un bugiardo, a un delinquente che è un delinquente, a una donna che è una donna e così via.

Quindi facemmo buon viso a cattivo gioco per vedere cosa ne saremmo riusciti, comunque, a cavare.

Dopo qualche giorno, però, le trattative non si sbloccavano. Eravamo accampati, in due stanze diverse, nella torre Mih, al ventisettesimo piano.

Ogni sera, sin dal primo giorno, dopo il lavoro si presentavano davanti alla porta di camera mia delle signorine molto giovani ed agghindate, che sostenevano di essere una volta la moglie del sindaco, un’altra volta del presidente del consiglio comunale, un’altra volta ancora del capo dell’azienda che avrebbe dovuto saldarci il credito.

Sicché io le facevo entrare e, timoroso che un mio rifiuto potesse mandare a monte una trattativa così complessa e delicata – con dei partner peraltro nemmeno del tutto corretti, sempre alla ricerca di una scusa per poterci rifiutare quello che ci era dovuto – lasciavo che fossero loro a condurre la serata, fino a che, immancabilmente ogni volta, finivano per approfittarsi del mio corpo.

Avendo studiato anche antropologia, so che presso molti popoli del globo, infatti, c’è l’usanza di offrire le proprie mogli agli stranieri e che in caso di rifiuto sono previste sanzioni molto severe. Oltre, ad essere, soprattutto, una scortesia, che, come tale, mi ripugna ancor di più della illegalità.

Devo però dire che qualche dubbio sulla reale identità di quelle signore mi veniva, perché ogni volta, al momento di andarsene, volevano duecento euro.

Ad ogni modo, qualche tempo dopo, mentre – durante il giorno – io e il mio assistito continuavamo le trattative per tentare di recuperare i nostri soldi, un cinese dal volto anonimo e impenetrabile, uguale a tutti gli altri, venne a convocarmi per dirmi che il sindaco di Wuhan voleva parlarmi.

Per un attimo pensai con terrore che una di quelle signore fosse davvero sua moglie e che magari qui in Cina l’usanza non fosse proprio quella di altri popoli più amichevoli per chi va con la moglie di un altro…

In realtà, il sindaco poi mi disse che i medici dell’ospedale di Wuhan avevano notato che le uniche donne che non si erano ancora ammalate, e che anzi non presentavano nessun sintomo, erano quelle che erano state con me.

Mi chiese quindi un campione di sperma.

Ovviamente rifiutai sdegnato.

Lui mi disse qualcosa che riuscii a ben comprendere, qualcosa come: «Ma guarda che stavolta è gratis!»

Io sorrisi e gli dissi «Sindaco, hai mai sentito la storia di Onan? Io sono cattolico, non disperdo il mio seme sulla terra… Lo dice la Bibbia.»

Lui strinse gli occhi a fessura e mi guardò con la stessa faccia da Budda impassibile con cui i cinesi proprietari di bar in Italia assistono alle bestemmie degli avventori che giocano a briscola.

Poi mi disse: «In Cina rispettiamo i diritti umani. Va bene. Ma sappi che avresti potuto salvare molte vite.»

Io gli risposi che ci avrei pensato.

La sera non si presentò nessuna «moglie».

La notte, nonostante fossi sconvolto per l’assurdità di tutta quella storia, dormivo profondamente e, anzi, sognavo di fare l’amore.

Dormivo scoperto, vestito solo di cinque gocce di gasolio, come sempre. Ad un certo punto, sentii caldo e, lentamente, mi svegliai.

Guardando in giù, verso il piede del letto, mi vidi in mezzo alle gambe la sagoma di un berretto militare da sottufficiale, con al centro la stella rossa dell’esercito popolare cinese, come una macchia di sangue nell’oscurità.

Guardando di nuovo ancor meglio, sotto al cappello vidi una donna che stava cercando di procurarsi un campione col metodo più antico del mondo.

Istantaneamente feci per ritrarmi, scattando di lato, ma non vi riuscii perché lei, senza mai mollare la presa, mi mostrò anzi i denti ed emise un grugnito allo stesso, identico, modo di un cane quando ti avvicini mentre sta mangiando un osso!

In quel momento, e in quella posa, la riconobbi. Era il sergente maggiore Ciu Lai, la succhiona mascherata dell’esercito popolare cinese, uno degli agenti segreti più cinici e spietati che il comunismo sia mai riuscito a donare all’oriente.

Per fortuna, anni fa, avevo preso lezioni di kung fu da un grande maestro cinese che abitava sulle colline intorno a Vignola, perché volevo impressionare una coreana saltando sui tetti delle case e spaccando assi di legno con le mani. 

Raggiunsi lentamente ma con determinazione la spalla del sergente e, con una stretta secca, la feci cadere addormentata.

2 – Ciu Lai molla l’osso

La seconda parte verrà pubblicata la prossima settimana.

Iscriviti al blog per non perderla.

Share the love

– 😍 metti «like» adesso, se ti è piaciuta questa storia;

– 🥰 condividi liberamente, in qualsiasi modo, questa storia se pensi che possa piacere a qualcun altro;

– 📧 inserisci la tua mail qui sotto per iscriverti e ricevere ogni settimana la nuova storia del venerdì pomeriggio.

 

 

Categorie
storia

The splitter – episodio 1 – Il casus belli

Il rapimento di Elena, il gesto di Gavrilo Princip sono considerati eventi alla base di grandi conflitti, che hanno cambiato per sempre il volto dell’Europa e del mondo.

In realtà, tuttavia, non sono stati proprio quei fatti a scatenare la guerra.

Quegli accadimenti sono stati semplicemente usati da gente che voleva già farsi la guerra, per altri motivi: o di profonda inimicizia o, più banalmente, di potere, conquista e utilizzo di risorse.

I nostri antichi padri parlavano, a riguardo, di casus belli: un evento che rappresenta la più comoda occasione per scatenare una guerra che tutti già da prima non vedevano l’ora di iniziare.

Un pretesto, quindi.

Quando i clienti si siedono davanti a lui per commissionare il suo intervento, lo Splitter sa che non diranno niente di rilevante, originale, interessante. Eppure egli li ascolta, li lascia parlare finché non ne sono sazi essi stessi, senza interrompere, senza dire nulla.

Non c’è niente che possa davvero giustificare il male che stanno per chiedergli di fare e così le motivazioni scorrono a fiumi, nonostante siano improbabili, del tutto sfornite di qualsiasi plausibilità, spesso risibili e demenziali. I clienti dello Splitter hanno il bisogno di raccontarsi che distruggono le loro famiglie per solidi e irrinunciabili motivi, ma, non riuscendone a trovare, finiscono, col loro profluvio di futilità, col denudarsi da soli, col rimanere senza riparo, isolati, senza appigli validi.

Parlano per un’ora, a volte due, sempre girando intorno al vero motivo.

Lo Splitter lo conosce, ma guarda e tace, perché non si può dire, sicuramente non subito, tante volte neanche dopo.

Come fare a dire a quelle persone che il vero motivo per cui si separano é semplicemente perché, non si sa bene per quale ragione, un giorno si sono svegliati e si sono scoperti incapaci di stare dentro al loro matrimonio, alla loro coppia?

Si sono sposati, si sono amati, hanno messo al mondo dei figli, hanno comprato case e fondato aziende che danno lavoro ad altre persone e poi, un bel giorno, si sono trovati di fronte ad un senso di insensatezza per tutto quello che hanno fortemente voluto, desiderato e realizzato per tutta la parte precedente della loro vita, anzi fino al giorno prima.

Come un bambino che fa i capricci per avere un giocattolo, lo ottiene e poco dopo lo butta annoiato. Solo che nel frattempo sono trascorsi decenni.

Così, amare follemente una persona e smettere completamente di farlo sono due facce della stessa follia.

Quando hanno finito di dire quello che si erano convinti di dover dire, i clienti di Jack si alzano e fanno per andarsene.

É in quel momento che, a volte, viene fuori qualcosa di significativo; quando hanno già in mano la maniglia della porta, alcuni si girano e, prima di andare via del tutto, sentono che almeno una cosa vera la devono dire, dopo il loro stesso profluvio di banalità, insensatezze, chiacchiere da treno. É proprio allora che qualcuna grida «mio marito non mi tocca da quando è nata nostra figlia, ormai sono più di dieci anni», qualcun altro «e poi mi vedo da due mesi con un’altra di vent’anni più giovane».

Lo Splitter allora accenna un sorriso.

Sa, che in fondo, una ragione non c’è, anche per quei pochi che cercano davvero un guizzo di autenticità.

Perché sei andato dietro a un culo più giovane? La ragione è là, ma é ben nascosta, tra le pieghe della tua vita, di quella di tua moglie, é impossibile da trovare.

Anzi, è ancora peggio: ormai, non ne vale comunque la pena.

Share the love

– 😍 metti «like» adesso, se ti è piaciuta questa storia, lascia un commento se vuoi esprimere le tue impressioni;

– 🥰 condividi liberamente, in qualsiasi modo, questa storia se pensi che possa piacere a qualcun altro;

– 📧 inserisci la tua mail qui sotto per iscriverti e ricevere ogni settimana la nuova storia del venerdì pomeriggio 👇.

Categorie
storia

Meet the Splitter: episodio zero.

Jack the Ripper, conosciuto in Italiano come Jack lo squartatore, é stato un misterioso serial killer di prostitute, che funestò con i suoi delitti la Londra del 1888, un secolo e tre infiniti, nel quartiere di Whitechapel. Non fu mai identificato e non si sa nemmeno se sia stato in effetti una sola persona o, piuttosto, un collettivo, anche non organizzato, di criminali distinti.

Molto tempo dopo, in Italia, opera oggi, vicino a te, una nuova triste figura: Jack the Splitter.

Come il suo antesignano, con una fredda lama tagliente squarcia le famiglie a metà e colpisce spesso persone che si sono vendute, anche se senza nemmeno sapere bene a che cosa.

Le povere vittime di Londra, infatti, si davano per un tozzo di pane, per mangiare, mentre le vittime dello Splitter, tutto all’opposto, si sono corrotte perché di pane ne avevano troppo.

Esse avevano tutto per essere felici, tranne la felicità: é quasi sempre in quei casi che colpisce e affonda lo Splitter.

A differenza del suo predecessore, lo Splitter non agisce mai di sua iniziativa, ma sempre e solo su commissione: prende il male da qualcuno e lo riporta su qualcun altro, in una catena di trasmissione malvagia di cui é solo un sogghignante anello.

Controlla adesso la tua mail: anche tu potresti, in qualunque momento, ricevere una lettera di Jack.

Ed è inutile correre a nascondere i bambini: sono i loro stessi genitori che mandano lo Splitter!

👉 Segui le avventure di Jack the Splitter sul blog storiemairaccontate punto it

👉 Condividi liberamente in forma integrale

storiedijackthesplitter jackthesplittertales

Categorie
storia

Amore.

Quando una persona dichiara di amarti, devi fare finta di crederci e, se ci riesci, persino crederci davvero, pe rché tra tutte le bugie degli uomini é la più simpatica

Categorie
storia

Cuba – Misano – Bangkok.

Ragazzi, qui a Misano tutto bene, la vacanza procede in modo assolutamente perfetto.

Mi sento finalmente coccolato come si conviene ad un uomo della mia condizione.

Figuratevi che stamattina la mia amante, con cui sto condividendo questa bella esperienza, ha persino telefonato a mia moglie per sentire cosa avrebbe dovuto prepararmi a colazione.

Direi che ho fatto molta strada da quando, a diciotto anni, mio padre – dopo avermi colto in atteggiamenti ambigui – mi regalò una vacanza di tre mesi a Cuba per vedere se mi fossero venute a piacere le donne.

É a quel mare caraibico, a quella trasmutazione, che penso quando guardo queste acque domestiche, perché i mari del mondo sono tutti fratelli.

Evviva noi.

Categorie
storia

Partire, morire.

Ti saluto, devo partire per il Donbass.

Mi ero arruolato nell’esercito italiano per godere di una tessera sconti del 10% sulle gomme da masticare e condurre finalmente veicoli diesel targati con il verso di Fonzie, ma ora la guerra é stata dichiarata e non posso più tirarmi indietro.

Come i Francesi di Napoleone, come i Tedeschi di Hitler, gli Italiani di Mussolini, andrò verso il grande oriente solo per godere per qualche istante di quella temporaneità, di quella mortalità che gli dei invidiano agli uomini, proprio come la notte, quell’unica notte, di Achille con Briseide.

Altrimenti non si spiega questo ricorrente fluire verso la terra dell’Aurora che, poco dopo il tuo arrivo, ti risbatte indietro, con il grande dono del presente e con la sensazione, dopo quella implacabile risacca, di non appartenere più a niente, di non esser più da nessuna parte, perché ci sono posti e parti che vivono solo per alcuni attimi e chissà, chissà se adesso ci sono ancora, adesso che scavano per te una buca di nostalgia infinita, e ti ci buttano dentro, per quell’aria che solo là hai potuto prendere, che quella di qui é diversa, sempre utile ma meno preziosa.

Non so quando ritornerò, ma non importa.

Quando Ulisse scese nell’Ade per chiedere al grande indovino Tiresia se e in qual giorno avrebbe fatto ritorno, si sentì molto giustamente domandare «Ma non hai capito che é il viaggio che ti tiene in vita?»

Non è importante quando si ritorna, ma con quanti segreti disvelati si rimette piede a casa.

Uno di questi spero sia la risposta alla mia ormai risalente domanda: ma perché le donne dell’Est scazzano sempre le scarpe?